Giancarlo Simonacci: Vien poi l’aurora, Works for Piano Solo and Piano 4-Hands (1969 – 2020)

12.90

  • Artist(s): Francesco Negro, Francesco Carletti
  • Composer(s): Giancarlo Simonacci
  • EAN Code: 7.46160915142
  • Edition: Da Vinci Classics
  • Format: 2 Cds
  • Genre: Instrumental
  • Instrumentation: Piano, Piano 4 Hands
  • Period: Contemporary
  • Publication year: 2023
Email
SKU: C00679 Category:

Additional information

Artist(s)

,

Composer(s)

EAN Code

Edition

Format

Genre

Instrumentation

,

Period

Publication year

Description

This box comprises my entire oeuvre for piano (also four-hand duet), composed within a rather wide period of time, between 1969 and 2020. It represents, therefore, a whole life at the piano, as a composer, and, I would add, as an interpreter. I will offer no aesthetic or analytical considerations about the works, also because, in my opinion, it is not the composer’s task to venture in those paths, or at least not within contexts such as the present one. I will merely give, naturally, a short presentation of each work.

CD 1
In 2016 Francesco Negro recorded this album with my piano works, ranging from 1981 to 2015. We thought it expedient to repropose it in the present production.
Danket dem Herren (1981) Based on a tenor melody written in 1534 (also harmonized by Bach), these variations explore the timbral and coloristic possibilities of the piano, and do not exclude, in a couple of variations, some instrumental virtuosity. This piece is dedicated to Aldo Clementi.
Bagatelle (1986-95) Written in different periods (1st in 1986, 2nd in 1993, 3rd and 4th in 1995), these four bagatelles constitute a complete and unbreakable cycle. Central to this work is a Gregorian theme, though torn in its original fabric. From the first bagatelle, the others are derived with further investigations of harmonic agglomerations (2nd), of rhythmic impulses (3rd) and singing of veiled allusions (4th).
Cinque piccole offerte musicali (2000) This is a tribute to Bach. The melodic theme from the Sarabande in C minor for cello by Bach (5th Suite) is dissected and reworked here to build short musical impressions: Prelude, Chorale, Fugato, Chorale prelude, Fantasia.
Ostinato (2004) In this piece, three chords, from which flows a “severe” chorale for four voices, converge in a flowing recurring and immutable (stubborn, in fact) set of quadruplets assigned to the left hand, which is offset by a sharp melodic line and sobbing “singing” by the right hand.
Si maravigghia (2004) This archaic Sicilian religious song, “Razioni of San Stansillau” (Legend of St. Stanislaus) is harmonized here and set for piano. The title is taken from the first verse. In memory of Francesco Pennisi, a sincere friend and fine musician who died prematurely in 2000.
Un Rien (2007) Discovering, by chance, a few lines of an unfinished waltz, composed perhaps more than thirty years ago, the challenge here, but also the fun, is not so much in completing the piece, but it is mostly exploring a language that maybe is not mine anymore: a journey into a nostalgic past.
Stidda di luci (2013) This is a set of freely composed variations on another beautiful and ancient melody of Sicily, “Nota di Paparedda” (Modo di Paparella, a village on Mount Erice). The lyrics are so poetic that they make one want to cite them all. I quote only the part from which I extracted the title: ‘Na lu pituzzu ha’ ‘na stidda di luci’ (“In your delicate chest you have a shining star”).
Fleurs solitaires (2013) The title is borrowed from the piece of “Waldszenen op. 82” by Robert Schumann, to whom my piece is ideally dedicated. It represents, basically, the various facets of a same object: a melancholic and slow waltz.
Cinque istantanee (2014) These are small pictures dedicated to musician friends. The game is easy: I took the musical letters needed for creating short thematic fragments of three or four notes extracting them from their names. In the realization of the pieces, I tried to highlight some musical traits of their individual personalities, in the fashion of a portrait.
Piccola pastorale (2015) It is dedicated to Gabriella, my lifelong partner. I use once more the tune of “Si maravigghia”, but the harmonic structure and the pianistic realization are entirely renewed with respect to the preceding elaboration.
Sette variazioni su una melodia popolare (2015) This is a simple and innocent theme, to which, many years ago, I had given a vaguely choral dimension. In its new pianistic reality, this “little chorus” unchained new, and for me unexpected, creative stimuli, favouring a playful but also introspective climate. It is dedicated to Maurizio Baglini.

CD 2
Vien poi l’aurora (1969-1988) is a collection (published by AFM in 1999) of nine pieces which have no other connection with another than that of belonging in my “youthful” period. Their language is varied, and – why not? – occasionally even tonal, without pretending to attempt “innovative” paths of research, but rather being moved by simple stimuli, dictated by the daily life of those years.
I think that Valzer (1969) was the first piece with a full sense I wrote in those years. Therefore, even though it was preceded by various other works, I think that I can assign opus number 1 to it. Valzer triste (1971), a slow and nostalgic dance, is in character the exact opposite of the preceding Valzer. Coralino (1972) is my feeble homage to Bach’s extraordinary output of chorales, for which I always nourished, even as a youth, a deep veneration. Also Piccola invenzione a 2 voci (1973) was naturally stimulated by Bachian influences, but I clearly recall that, at that time, I was studying some of Goffredo Petrassi’s Inventions.
Minuetto su un tema di Mirta (1974) is the short development of a small musical theme by Mirta, who, at the time, was a young pupil of mine; in it, I tried to make [her] melodic feeling develop by asking her to write short themes. Studio (il trillo) (1974) was written for Gabriele, a young talented student. A beneficial plunge into my Romantic soul produced Romanzetta (1981). Its three-part scoring allowed me, several years later, to realize a version of it for violin, viola and cello. Esercizio (1982) was written substantially for my own personal use, even though the dedication is to… Monsieur Croche, i.e. Claude Debussy.
Tre versetti (1988) were jotted down during a session of piano exams, which evidently were not that interesting! Already for many years I have been playing in a piano duet with my wife Gabriella; it appears, therefore, rather natural that, as a composer, I wrote in this field. It might seem perhaps rather odd to state that it is not really simple to write accurately for four-hand piano duet. But so it is! The sound balance, and not just that, on a single piano played by two performers is the fruit of a precise “operative” research; obviously the composer realizing pieces for four-hand duet must be aware of this. I hope that I managed to get near to a satisfactory result!
The Brevi rifrazioni sul corale Nun komm der Heiden Heiland (1989), harmonized also by Bach, are six small contrapuntal variations in contrast with each other. My never exhausted passion for Giacomo Leopardi’s poetry led me, in that period, to realize a triptych inspired by him, of which Canto Notturno (1991) is an integral component.
I think that there exists not a single composer who never wrote, or at least thought to write, a Ninna-nanna (1996), i.e. a Berceuse. Thus I got in line with this practice – I hope in a gentle fashion.
Small Blues (2011) was commissioned to me for a recital by our Duo at the festival of Rocca di Mezzo by its Artistic Director, pianist Giuseppe Scotese. A melodic hem of eight pitches excerpted from a madrigal by Claudio Monteverdi – from whose lyrics, by Giovanni Battista Guarini, I derived …ch’io non sia… (2017) – made it possible to develop and build this short piece.
The Preludio (2017), dedicated to Francesco Negro, is born of the superimposition and later elaborations of two chords found in Johann Sebastian Bach’s Fantasia BWV 922.
Three fragments by Beethoven, opportunely connected with each other with the purpose of forming a single thematic nucleus, give form to Fantasietta (2019), dedicated to my friend Emanuele Arciuli. It is a wandering among Beethoven’s phrases, finding its conclusion in a free cadenza, led however by some indications about its realization.
Due canti siciliani (2019), dedicated to pianist Roberto Prosseda, give voice to my love for Sicily, whose ancient melodies frequently emanate a penetrating sense of melancholy.
The strident Chorale no. 7, excerpted from Erik Satie’s Douze petits chorals for the piano, is transformed, through suitable techniques of contrapuntal manipulation, into Adagio (2019). The dedication is to Aldo Clementi, an unsurpassable teacher.
In Mai vi har (2020), seven variations on a German folk tune, I adopted an “ascetic” economy of means in the piano fabric, while employing a rather elaborated compositional game. It is a kind of personal musical purification. This piece is dedicated to Francesco Carletti.
I conclude by thanking my friends, and erstwhile pupils, Francesco Negro and Francesco Carletti for the patience, dedication and enthusiasm they devoted to the immersion into these subtle lines of my musical visions.
Giancarlo Simonacci © 2022

Questo cofanetto raccoglie tutta la mia opera per pianoforte (anche a 4 mani) composta in un arco di tempo piuttosto ampio che dal 1969 arriva al 2020. Quindi una vita con il pianoforte, da compositore e aggiungo da interprete. Nessuna considerazione estetica o analitica delle composizioni, anche perché a mio avviso non spetta al compositore inoltrarsi in tali percorsi, o perlomeno non in contesti di questo tipo. Solo, naturalmente, una breve presentazione per ciascuna composizione.

CD 1
Nel 2016 Francesco Negro ha realizzato questo CD con le mie composizioni pianistiche che vanno dal 1981 al 2015. Si è pensato di riproporlo in questa produzione.
Danket dem Herren (1981) Sul tenormelodie del 1534 (armonizzato anche da Bach) vengono realizzate le variazioni che indagano sulle possibilità timbriche e coloristiche del pianoforte, non disdegnando, in un paio di variazioni, un certo virtuosismo strumentale. Il brano è dedicato ad Aldo Clementi
Bagatelle (1986 – 95) Pur se scritte in periodi differenti (1a 1986, 2a 1993, 3a e 4a 1995) le quattro bagatelle costituiscono un ciclo completo e indissolubile. Perno di tutto il lavoro è un tema gregoriano dilaniato però nel suo tessuto originale. Sulla prima bagatella si innestano le altre, quali ulteriori indagini di agglomerati accordali (2a), di pulsioni ritmiche (3a), di velate allusioni di canto (4a).
Cinque piccole offerte musicali (2000) Un omaggio a Bach. La trama melodica della Sarabanda in Do minore per violoncello di Bach (quinta suite) viene qui sezionata e rielaborata per costruire brevi impressioni musicali: “Preludio” – “Corale” – “Fugato” – “Preludio-Corale” – “Fantasia”.
Ostinato (2004) Tre accordi dai quali scaturisce un “severo” corale a quattro voci che converge in un fluire isocrono e immutabile (ostinato, appunto) di quartine affidate alla mano sinistra, alle quali si contrappone una linea melodica aspra e singhiozzante “cantata” dalla mano destra.
Si maravigghia (2004) Un arcaico canto religioso siciliano “Razioni di San Stansillau” (Leggenda di San Stanislao) armonizzato e messo in veste pianistica. Il titolo è tratto dalla prima strofa. In ricordo di Francesco Pennisi sincero amico e fine musicista scomparso prematuramente nel 2000.
Un Rien (2007) Ritrovo casualmente alcune battute di un valzer rimasto incompiuto forse più di trent’anni prima. La sfida, ma anche il divertimento, non è tanto nel completare il pezzo, ma è soprattutto nel riassaporare un linguaggio che forse non mi appartiene più. Un tuffo nostalgico nel passato.
Stidda di luci (2013) Libere variazioni su un’altra bella e antica melodia della terra di Sicilia “Nota di Paparèdda” (Modo di Paparella, borgo sul monte Erice). Il testo è così poetico che vien voglia di proporlo tutto. Cito solo la parte da cui ho estratto il titolo: – ‘Na lu pituzzu ha’ ‘na stidda di luci – (Nel delicato petto hai una stella lucente).
Fleurs solitaires (2013) Il titolo è mutuato dal terzo brano di “Waldszenen op 82” di Robert Schumann a cui il mio pezzo è idealmente dedicato. Si tratta in sostanza di più facce dello stesso oggetto: un melanconico e lento valzer.
Cinque istantanee (2014) Sono piccole immagini dedicate ad amici musicisti. Il gioco è semplice: dai loro nomi ho estrapolato le lettere musicali utili a forgiare brevi incisi tematici di tre o quattro note. Nella realizzazione dei brani ho tentato di evidenziare alcuni tratti musicali delle singole personalità, quasi dei ritratti.
Piccola pastorale (2015) È dedicata a Gabriella, la mia compagna di una vita. Riutilizzo la melodia di “Si maravigghia”, ma la struttura armonica e l’aspetto pianistico è del tutto rinnovato nei confronti della precedente elaborazione.
Sette variazioni su una melodia popolare (2015) Un temino semplice e innocente al quale avevo dato, molti anni prima, una vaga dimensione corale. Nella sua nuova realtà pianistica questo “piccolo coro” ha sprigionato in me nuovi e inaspettati stimoli creativi che hanno favorito un clima ludico ma anche introspettivo. La dedica è a Maurizio Baglini.

CD 2
Vien poi l’aurora (1969 – 1988) è una raccolta (pubblicata da AFM nel 1999) di nove brani che non hanno nessun nesso l’un con l’altro se non quello di appartenere al mio periodo “giovanile”. Il linguaggio è vario, e perché no in qualche caso anche tonale, senza alcuna pretesa di tentare strade “innovative” o di ricerca, ma mosso da semplici stimoli dettati dalla quotidianità di quegli anni. Penso che il Valzer (1969) sia il primo brano di senso compiuto che scrissi in quegli anni. Quindi, anche se preceduto da altre varie composizioni, credo di poterlo connotare come l’opera numero 1. Il Valzer triste (1971), una danza lenta e nostalgica, è caratterialmente l’esatto contrario del precedente Valzer. Il Coralino (1972) è il mio flebile omaggio alla straordinaria produzione di corali di Bach, per i quali ho sempre nutrito, sin da giovane, una profonda venerazione. Anche Piccola invenzione a 2 voci (1973) fu naturalmente stimolata da flussi bachiani, ma ricordo bene che in quel periodo stavo studiando alcune Invenzioni di Goffredo Petrassi. Il Minuetto su un tema di Mirta (1974) è il breve sviluppo di un temino musicale appunto di Mirta, all’epoca mia piccola allieva, nella quale tentavo di far sviluppare il [suo] senso melodico facendogli scrivere proprio dei piccoli temi. Lo Studio (il trillo) (1974) lo scrissi per Gabriele, un giovane allievo di talento.
Un tuffo benefico nelle mie pulsioni romantiche ha prodotto Romanzetta (1981). La scrittura a 3 voci mi ha consentito, diversi anni dopo, di realizzare una versione per violino, viola e violoncello. Esercizio (1982) in fondo lo scrissi per uso sostanzialmente personale, anche se la dedica è … a monsieur Croche, ovvero a Claude Debussy.
I Tre versetti (1988) furono annotati durante una sessione di esami di pianoforte, evidentemente non molto interessante! Sono ormai molti anni che suono in Duo pianistico con mia moglie Gabriella; quindi, appare abbastanza naturale che mi sia prodotto come compositore su questo versante. Può forse sembrare un poco stravagante asserire che non è propriamente semplice scrivere in maniera accurata per pianoforte a 4 mani. Ma così è! L’equilibrio fonico, e non solo, su un solo pianoforte suonato da due esecutori è frutto di una precisa ricerca “operativa” e ovviamente anche il compositore, nel realizzare brani per pianoforte a 4 mani, deve essere consapevole di ciò. Mi auguro di essere riuscito ad avvicinarmi ad un risultato soddisfacente! Le Brevi rifrazioni sul corale Nun Komm der Heiden Heiland (1989), armonizzato anche da Bach, sono sei piccole variazioni contrappuntistiche che si contrastano fra di loro.
La mia passione (mai sopita) per Giacomo Leopardi mi condusse in quel periodo alla realizzazione di un trittico a lui ispirato, nel quale Canto Notturno (1991) è parte integrante. Credo che non esista compositore che non abbia scritto, o almeno pensato di scrivere, una Ninna – Nanna (1996) o se si preferisce una Berceuse. Quindi mi sono allineato (spero con garbo) a questa consuetudine.
Small Blues (2001) mi fu commissionato per un concerto del nostro Duo al festival di Rocca di Mezzo dal suo direttore artistico, il pianista Giuseppe Scotese. Un lembo melodico di otto suoni estrapolato da un madrigale di Claudio Monteverdi, dal cui testo (di Giovanni Battista Guarini) ho estratto … ch’io non sia … (2017), ha reso possibile lo sviluppo e la costruzione di questo piccolo brano. Il Preludio (2017), dedicato a Francesco Negro, nasce dalla sovrapposizione e successive elaborazioni di due accordi presenti nella Fantasia BWV 922 di Johann Sebastian Bach.
Da tre frammenti di Beethoven, opportunatamente collegati fra di loro al fine di formare un unico nucleo tematico, prende forma Fantasietta (2019) dedicata all’amico Emanuele Arciuli. Un girovagare sugli incisi beethoveniani, che trova la sua conclusione in una libera cadenza guidata però da alcune indicazioni di realizzazione.
I Due canti siciliani (2019), dedicati al pianista Roberto Prosseda, enunciano il mio amore per la Sicilia, le cui antiche melodie emanano spesso un penetrante senso di melanconia.
Lo stridente corale n° 7 tratto da Douze petits chorals per pianoforte di Erik Satie, si tramuta, con opportune tecniche di manipolazioni contrappuntistiche, in Adagio (2019). La dedica è ad Aldo Clementi Maestro ineguagliabile.
In Mai vi har (2020), sette variazioni su una melodia popolare tedesca, ho adottato una “ascetica” economia di mezzi del tessuto pianistico, servendomi però di un gioco compositivo piuttosto elaborato. Una sorta di mia personale purificazione musicale.
Il brano è dedicato a Francesco Carletti. Concludo ringraziando i miei amici, un tempo anche miei allievi, Francesco Negro e Francesco Carletti per la pazienza, la dedizione e l’entusiasmo che hanno profuso nell’immergersi in queste sottili linee delle mie visioni musicali.
Giancarlo Simonacci

Artist(s)

Francesco Negro: Francesco Negro born in Italy in 1986, is a pianist, composer and teacher. He has spent a long stretch of his life as a professional musician, performing, recording and collaborating with many artists coming from all over the world.

Francesco Carletti
Born in Fiuggi in 1988. He studies under the guidance of M° Giancarlo Simonacci at the Conservatories "Licinio Refice" in Frosinone and "Santa Cecilia" in Rome, where he graduates with honors in 2010.
In the same year, the Swiss Confederation awards him a scholarship, which allows him to attend advanced courses at the Academy of Music in Basel, under the guidance of M° Filippo Gamba. Therein he obtains a Master degree in solo and chamber music performance in 2013, and a Master degree in Music Pedagogy in 2016.
Maestros Cristofer Giorgilli, Homero Francesch and Riccardo Risaliti also contribute to his education.
His piano career counts numerous prizes and awards, including: the "Via Vittoria" prize, intended for the best graduates of "Santa Cecilia" Conservatory in Rome, and personally awarded by M° Ennio Morricone (2010), the “Premio Casella”, of the prestigious National Piano Competition "Premio Venezia" (2011), the III prize at the International Piano Competition in Rhodes (Greece), presided over by M° Andrzej Jasiński (2012), and the "Schumann Prize" at the "Animato” International Competition in Paris (2012).
He has performed as a soloist and chamber musician at La Fenice in Venice, Teatro Olimpico of Vicenza, Ateneo Veneto, Sala del Liviano in Padua, Salle Cortot in Paris, Stadtcasino in Basel together with the Basel Symphony Orchestra.